Iscrizione alla Conference
Assosef aderisce all’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile

XI GREEN GLOBE BANKING

Conference & Award

13 dicembre 2017 | Roma

 

GGB 2030
Financial Services for SDGs

 

GRAN PREMIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 
Vince BNL Gruppo BNP Paribas
Ad ASviS il Premio Ad Honorem

 vai  su www.assosef.org

Torna in cima

Green Banking e PMI

Condividi su:
Pubblicato il 27/05/2013

 

Iscriviti alla Newsletter The Green Banker

Partecipa alla discussione sul gruppo  View our profile on LinkedIn


  

Green Banking: una risorsa per le PMI e le Pubbliche Amministrazioni 

Dare ossigeno all'economia e promuovere l'accesso al credito di chi vuole investire: è questo il ruolo delle banche.

Un compito ancora più importante nell'attuale congiuntura, dove è diventato difficile, per le PMI e  per le Pubbliche Amministrazioni, ottenere fondi per sviluppare progettualità e innovazione.

In questo contesto, le pratiche del Green Banking diventano una vera e propria risorsa e consentono di lanciare iniziative importanti nell'ambito della sostenibilità ambientale.

 

7^ Green Globe Banking Conference

13 giugno 2013 - a partire dalle ore 15

Milano

Trovare soluzioni per fare banca in tempo di crisi.

Il Green Banking tra criticità nell'accesso al credito e sviluppo dei mercati della Green Economy:

energia, smart city, agroalimentare, turismo sostenibile, edilizia ecoefficiente.

 PER ISCRIVERTI


 

Il ruolo di una Banca Green.

 In che modo le banche possono incentivare la nascita e lo sviluppo di iniziative improntate alla sostenibilità? Esistono due principali filoni di interventi.

Nel primo, la banca agisce direttamente nei confronti dei propri clienti (acquisiti o potenziali); nel secondo, invece, la banca diventa un intermediario fra crediti provenienti da fonti terze (come, per esempio, le istituzioni europee) e gli attori che richiedono l'accesso al finanziamento.

Il primo settore di intervento sta diventando sempre più comune. Cresce infatti il numero di banche che hanno scelto di adottare prodotti ad hoc oensati per chi vuole investire nella sostenibilità.

I prestiti si rivolgono sia ai privati (tipicamente per interventi di ristrutturazione ed efficienza energetica) sia alle PMI che necessitino di finanziare progetti ecocompatibili oppure ammodernare i propri impianti, rendendoli autonomi dal punto di vista energetico.

La maggior parte di queste iniziative offre condizioni particolarmente vantaggiose, a partire da tassi di interesse ridotti o azzerati. Spesso le imprese possono contare su ulteriori agevolazioni fiscali dello Stato, tramite lo strumento della detrazione dall'imposta lorda.

Nel secondo caso, invece, le banche svolgono una importantissima funzione di raccordo fra fondi messi a disposizione da attori esterni - come l'UE o il Fondo di Kyoto - e i destinatari finali. Questa modalità è molto importante per le istituzioni locali, che spesso faticano a trovare i fondi per promuovere concretamente la sostenibilità sul territorio.

Per comprendere meglio il meccanismo di queste azioni è utile citare alcuni esempi.

La Banca Europea degli Investimenti, emanazione dell'Unione Europea, ha finanziato - con la collaborazione determinante delle banche locali - un progetto per mettere a norma e rendere più efficienti gli edifici scolastici nella Provincia di Milano. In questo caso, l'approccio è stato decisamente multi stakeholder: fra gli attori coinvolti troviamo infatti la BEI, la Provincia di Milano, le banche locali e le imprese, che attraverso i prestiti agevolati hanno potuto svolgere i lavori di ristrutturazione e ammodernamento necessari.

Il Fondo Europeo per l'efficienza energetica (EEEF) si occupa di promuovere il finanziamento di progetti legati all'efficienza energetica e alle energie rinnovabili all'interno di alcuni paesi target dell'Unione Europea. Fra le varie modalità per raggiungere questo obiettivo, è stato individuato anche il metodo del co-finanziamento. In questo caso, il Fondo agisce come parte di un Consorzio dove vengono coinvolte anche le banche locali.

Il Fondo di Kyoto, infine, mette a disposizione dei fondi per sostenere l'occupazione giovanile nel settore della Green Economy. Gli Ente Gestori del Fondo di Kyoto, fra i quali si possono annoverare le finanziarie regionali, si occupano del raccordo con il territorio.

 

Il Green Banking: valore per il territorio

Questo quadro, variegato e in costante evoluzione, ci offre un punto di vista nuovo sul Green Banking. Questa disciplina si allaccia strettamente ai territori e alla possibilità di applicare, attraverso le banche presenti a vari livelli, modelli di sviluppo efficienti e sostenibili.

In un quadro nazionale ancora dominato dalla crisi, le Banche Green si fanno portatrici di nuove progettualità, aiutando enti locali e imprese a crescere e ad affrontare le sfide del futuro.

Ed è proprio sulle tante opportunità offerte dal Green Banking che si concenterà la Settima Edizione del Green Globe Banking, dedicata non a caso allo scottante tema dell'accesso al credito.


Il tema dell'accesso al credito per le imprese della Green Economy a Green Globe Banking 2013

Come più volte sottolineato dagli esperti del settore, l’accesso al credito bancario è vitale per gli investimenti e per la crescita economica e oggi richiede uno sforzo di innovazione per individuare  nuovi modelli di finanza  per le imprese, insieme a interventi diretti a sbloccare il circolo vizioso credit crunch-recessione. Ecco dunque che la Green Economy entra in gioco rappresentando un comparto giovane e dinamico che ha tutte le potenzialità per affermarsi come motore della ripresa economica e che richiede alle banche  sostegno,fiducia e competenze di Green Banking.

Ma banche e imprese che hanno compreso che la Green Economy rappresenta una concreta opportunità di business, viaggiano alla stessa velocità?

Hanno gli strumenti per trasformare queste opportunità in risultati concreti?

Le banche si sono interrogate sul vantaggio di aggiornare il loro modello di valutazione del merito creditizio al mondo Green?

Quali aspetti limitano un dialogo efficiente tra mondo bancario e aziende della Green Economy? Queste alcune delle domande e dei temi a cui cercherà di rispondere Green Globe Banking Conference, la cui esperienza pluriennale, unica in Italia, permette di affrontare con autorevolezza questi importanti quesiti che ormai da tempo riecheggiano come un tamtam tra gli attori del settore. La Conference mette a confronto, come raramente si ha occasione di vedere, rappresentanti del mondo imprenditoriale con rappresentanti di istituti di credito ma anche esponenti di territorio, ambiente e istituzioni.

Leggi il Comunicato Stampa 'Un tema di scottante attualità per Green Globe Banking 2013'

 

 

Sei in Green Globe Banking | Blog - The Green Banker

Green Banking

Il primo libro italiano sul marketing bancario verde

@GGBanking

Commissione Europea Rappresentanza a Milano
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Stati Generali della Green Economy - gdl 8
Ministero dello Sviluppo Economico
ACRI Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa
ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani
Associazione Nazionale fra le Banche Popolari
Assoreca
CIA Confederazione Italiana Agricoltori
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Enea
Società Geografica Italiana
Touring Club Italiano
AIBE Associazione Banche Estere in Italia
AssoRinnovabili
Confagricoltura
Coordinamento Free
Kyoto Club
PLEF Planet Life Economy Foundation
Unioncamere