Iscrizione alla Conference
Assosef aderisce all’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile

XI GREEN GLOBE BANKING

Conference & Award

13 dicembre 2017 | Roma

 

GGB 2030
Financial Services for SDGs

 

GRAN PREMIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 
Vince BNL Gruppo BNP Paribas
Ad ASviS il Premio Ad Honorem

vai su www.assosef.org

Torna in cima

Presentazione | Edizione 2014

Condividi su:
Pubblicato il 03/03/2014

VIII GREEN GLOBE BANKING CONFERENCE 

 

Verso Expo 2015
Quale banca per lo sviluppo dell'economia Green Made in Italy?

 

Presentazione dei dati della ricerca - 'Le attese delle imprese del Green Made in Italy verso il sistema bancario'.

A seguire round table di approfondimento e commento con la partecipazione delle banche, dei rappresentanti delle imprese e delle Istituzioni.

 

EXPO 2015 è l’evento universale che si terrà dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, che intende essere un volano per l’economia del territorio e rappresentare al meglio le eccellenze dell’Italia e di Milano. Expo 2015 ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ sarà l’occasione per dare visibilità alla tradizione, alla creatività e all’ innovazione presenti sul territorio nazionale, non solo nel campo dell’alimentazione, ma in un contesto più ampio, che possa raccogliere e mettere in luce le eccellenze del Made in Italy e della Green Economy. Per questo Green Globe Banking 2014 intende aprire il dibattito e concentrare l’attenzione dei media sul tema del Green Made in Italy come driver per superare la crisi e rilanciare la competitività del Paese.

 

Il Made in Italy

Il mondo riconosce all’Italia una leadership indiscussa nella capacità di vivere bene, con gusto e raffinatezza, in mezzo ad un patrimonio artistico, culturale e paesaggistico senza eguali. E’ il fenomeno del Made in Italy, una locomotiva di valore per il Sistema Italia.

 

La Green Economy

In questo contesto, l’attenzione e la salvaguardia dell’ambiente, lo sviluppo delle consapevolezza delle tematiche sociali anche in ambiente lavorativo e le nuove opportunità tecnologiche, hanno creato il tessuto favorevole per lo sviluppo di una nuova generazione di aziende capaci di resistere meglio alla crisi, di internazionalizzarsi e di creare, nonostante tutto, nuovi posti di lavoro. Sono le imprese della Green Economy, quelle che hanno saputo coniugare innovazione con applicazione, ricerca con produzione di nuovi servizi/prodotti rispettosi del pianeta e della sua consegna al futuro.

 

Il Green Made in Italy

Quando questi due fenomeni vengono interpretati con una capacità imprenditoriale coraggiosa, aperta, globale, si assiste ad una fusione in imprese geneticamente mutate, con una visione innovativa del mercato e del futuro, in grado di sviluppare valore e qualità riconosciuti internazionalmente. Sono le imprese portabandiera dell’eccellenza italiana nel mondo. Genius loci e lettura dei trend globali sono alla base di un nuovo modello di sviluppo.


 

 

Le imprese del Green Made in Italy

Le imprese del Green Made in Italy hanno sviluppato caratteri vincenti, idee, metodi, procedure, strumenti, culture, allineati con bisogni di mercato fluidi, globali, destrutturati, rapidi, complessi. Esprimono quindi a partner e supplier domande nuove, dello stesso tenore dei loro bisogni, finalizzate a mantenere la competitività. Necessitano quindi di partner in grado di capire e interpretare i loro modelli competitivi e di dare risposte evolute rispetto ai normali standard. Le imprese del Green Made in Italy.

 

Il sistema bancario e il Green Banking

Il sistema bancario è uno, e forse il più potente, motore per la competitività delle imprese. Il periodo storico lo vede impegnato a mantenere le proprie posizioni, a rafforzarsi davanti alle incertezze degli scenari mondiali, a difendersi dalle minacce di fenomeni economici e finanziari di grande peso. Fatica però a dare risposte, a sostenere la competitività delle imprese. Solo le banche più sensibili sono disposte a interpretare i cambiamenti spesso epocali che coinvolgono le imprese del Green Made in Italy. Ma anche in queste si nota una certa ruvidità a rispondere con proprie strategie di Green Banking, mettendo a disposizione con fatica prodotti/servizi innovativi o curando esse stesse i propri impatti ambientali. 

  

Una indagine di mercato per intercettare le attese delle imprese Green Made in Italy verso le banche

 

 

Definire, analizzare ed elaborare le esigenze delle imprese del Green Made in Italy nei confronti della banche: questo è lo scopo della ricerca di mercato che Green Globe Banking intende svolgere in vista della prossima edizione di Green Globe Banking.

La ricerca tenderà a definire il profilo della ‘banca concretamente ideale’ secondo le opinioni di manager e imprenditori delle imprese del Green Made in Italy. Una ricerca che indaghi il lato impresa: la domanda espressa da imprese virtuose da rivolgere a banche virtuose.

 

Il confronto e il dialogo in una tavola rotonda

I dati e le elaborazioni saranno oggetto della presentazione alla comunità imprenditoriale e finanziaria come base pratica e oggettiva per un confronto/tavola rotonda tra il mondo imprenditoriale, delle istituzioni e della banca. Un convegno nel tipico stile Multistakeholder che caratterizza le Conference Green Globe Banking, strumento ideale per fare emergere posizioni e proposte, stimoli proattivi e risposte pratiche per far dialogare il mondo delle imprese con quello delle banche su concrete opportunità di business. 

Leggi lo speciale Green Globe Banking 2014

 

Green Banking

Il primo libro italiano sul marketing bancario verde

@GGBanking

Commissione Europea Rappresentanza a Milano
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Stati Generali della Green Economy - gdl 8
Ministero dello Sviluppo Economico
ACRI Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa
ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani
Associazione Nazionale fra le Banche Popolari
Assoreca
CIA Confederazione Italiana Agricoltori
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Enea
Società Geografica Italiana
Touring Club Italiano
AIBE Associazione Banche Estere in Italia
AssoRinnovabili
Confagricoltura
Coordinamento Free
Kyoto Club
PLEF Planet Life Economy Foundation
Unioncamere